In tema di olio alimentare esausto, un posto speciale spetta all'olio di frittura che caratterizza, per quantità e tipologia, la composizione finale del rifiuto. La pratica della frittura, antichissima e utilizzata ovunque nel mondo, se fatta a regola d'arte, non presenta alcun incoveniente nutrizionale specifico. Tutto dipende dal tipo di olio impiegato e dalle modalità dell'esecuzione.....un rito meticoloso che la tecnologia può facilitare al professionista della ristorazione e rendere più gustoso e sicuro per il consumatore.
SIMPLOIL, impegnata a realizzare in modo eco-compatibile il ciclo dell'olio commestibile, ha creato un simbolo a protezione della qualità alimentare e della sostenibilità ambientale: il marchio FRIENDFRY/FRITTOAMICO che attesta la qualità dell'olio esausto risultante dai processi di cottura e il suo corretto smaltimento. L'attribuzione del marchio al Ristoratore implica la verifica del rifiuto smaltito secondo un protocollo tecnico e strumentale basato su norme di sicurezza alimentare HACCP, specifica per la frittura professionale.

Il Ristoratore che espone questo marchio ha la certezza di operare perfettamente all'interno dei parametri richiesti dalla sicurezza alimentare HACCP e l'orgoglio di offrire il meglio della salubrità e del gusto ai propri clienti.
IL Consumatore che ricerca il marchio FRIENDFRY/FRITTOAMICO ha la garanzia che l'olio utilizzato nelle preparazioni non ha prodotto sostanze di degrado ( composti polari ) in quantità nocive alla salute, secondo le norme italiane ed europee.

Il marchio FRIENDFRY/FRITTOAMICO si ottiene seguendo il programma di autodisciplina e verifiche periodiche che l'addetto SIMPLOIL sarà lieto di illustrare a chi lo richiede.